Matteo Salvini nelle Marche accolto da lancio di uova dai manifestanti “democratici” dei centro sociali.

Il leader della Lega Nord, Matteo Salvini, è stato accolto nelle Marche con manifestazioni di protesta e lancio di uova e bottiglie. Obiettivo non farlo parlare e contestare la sua politica sull'immigrazione.  "Sono squadristi", ha replicato Salvini. Prima tappa la città dorica dove si è avvicinato ad un tavolo per la raccolta di firme per la presentazione delle liste per le regionali. Ha salutato il coordinatore regionale di Fdi-An Carlo Ciccioli e si è fatto fotografare con gli attivisti. Dall'altra parte del cordone di sicurezza, le urla dei manifestanti dei centri sociali. Gli agenti hanno identificato una ragazza di Porto Recanati, che avrebbe lanciato delle uova. "E pensare che questa gente qui magari il 25 aprile stava a parlare di libertà a democrazia", il commento di Salvini.

Tensione anche a Porto Recanati – A Salvini è stato impedito dai soliti "democratici" l'accesso all'Hotel House. Anche qui urla lancio di uova e striscioni con la scritta "Salvini vattene"
Uova contro Salvini anche a  Macerata. Qui la polizia è stata costretta a caricare un corteo di manifestanti dei centro sociali che volevano sfondare il cordone di sicurezza. Due i feriti fra i manifestanti.

 

 

;

Lascia un commento