l’udc di recanati dichiara guerra all’accattonaggio molesto

1.L’UdC Recanati fa seguito a quanto già proposto e approvato dal Consiglio Comunale nell’aprile dell’anno scorso sulla necessità di prestare maggiore attenzione alla manutenzione ordinaria e pulizia del territorio e al  decoro cittadino proponendo all’attenzione del Consiglio Comunale una mozione con la quale s’invita il Sindaco e la Giunta a eliminare o, almeno limitare, ogni forma di accattonaggio molesto, con qualunque modalità, in ogni spazio pubblico o aperto al pubblico del territorio comunale.

Il consigliere Massimiliano Grufi, firmatario della mozione, ricorda che nell’aprile 2011 il sindaco ha sottoscritto l’ordinanza n° 76 in cui, tra l’altro, si fa divieto su tutto il territorio comunale di ogni forma di questua nonchè di pressione molesta sul pubblico. Nonostante ciò, scrive Grufi, “si nota che in città il fenomeno è ancora presente e che, nei giorni di mercato o di grande affluenza di pubblico per iniziative o manifestazioni, specie il centro storico si riempie di persone che chiedono aiuto con insistenza, tallonando i cittadini o vessandoli, simulando deformità o malattie o adoperando altri mezzi fraudolenti (ad esempio l’utilizzo di animali) per suscitare l’altrui pietà.” Un fenomeno che si ripete puntualmente anche all’ingresso dei supermercati cittadini o davanti alle chiese al momento dell’entrata o dell’uscita dalle funzioni religiose.

Il capogruppo UdC pone l’attenzione anche sul fatto che “sono sempre gli stessi i questuanti presenti e, ad un occhio critico seppur non informato, l’impressione è che per ognuno di loro ci sia un territorio di appartenenza ben distinto tanto che, pur in presenza di una diversa dislocazione del mercato cittadino, ognuno rimane al proprio posto anche se lontano dalle bancarelle. Analogo fenomeno si può rilevare per quel che riguarda gli ingressi di supermercato e chiese: ognuno quotidianamente al suo posto e se, malauguratamente, un centro commerciale chiude chi perde la propria postazione è costretto ad adattarsi a quel che capita non provando neanche ad invadere il territorio di un altro.” Forse che dietro il fenomeno dell’accattonaggio si nasconde un’organizzazione ben precisa che sfrutta minori, disabili, anziani e immigrati per lucrare in maniera disonesta?

Con la mozione presentata dall’UdC impegna l’Amministrazione Comunale ad intervenire nel merito contrastando ogni forma di accattonaggio molesto e, nel contempo, ad intervenire nelle reali situazioni di indigenza che inducono la persona all’accattonaggio, ponendo in essere ogni aiuto possibile per ridare la giusta dignità alla persona.

Recanati, lì 28 luglio 2017

 

;

Lascia un commento