L’architetto Pejrone smorza le polemiche sui lavori in corso sul Colle dell’Infinito

Passeggiata sul Colle dell’Infinito questa mattina del sindaco Francesco Fiordomo insieme a Paolo Pejrone, l’architetto paesaggista italiano del FAI a cui è stato affidato il progetto di rigenerazione botanica dell'orto dell'ex convento di Santo Stefano in collaborazione con l’Università di Ancona. Il primo cittadino affida alle parole autorevoli del professionista, architetto paesaggista italiano di fama internazionale specializzato proprio in giardinaggio e progettazione paesaggistica, la migliore risposta alle polemiche di questi giorni  sull’intervento in corso al Colle dell’Infinito.

“Stiamo andando avanti piano nei lavori, ha spiegato Pejrone, perché così evitiamo di fare errori. Abbiamo tolto 2 o 3 cedri, che erano arrivati vicino alla casa e una tuia e poi abbiamo pulito e basta. Si è provveduto a riaprire le stradine e a sistemare le pergole. Il tempo è stato quello che è stato e io mi auguro che con l’estate si possa capire bene tutto quello che è stato fatto. Sembra poco ma invece è stato tanto, proprio quello che io voglio, un lavoro veramente di ritocchi che non faccia perdere l’anima a questo luogo meraviglioso”. L’architetto ricorda che la sua idea di sempre è “che bisogna mantenere l’esistente curandolo, concimandolo, trattandolo e esaltandolo in un certo senso, un lavoro di grande leggerezza ma di profondo amore. Io invito chi ha sollevato queste polemiche a venire al Colle quando ci sono io e fare quattro passi con me per vedere che sono stati male informati. Io sarò di nuovo qui subito dopo Pasqua per chi vuol avere spiegazioni”. 

;

Lascia un commento