VOLUME E SCHIAMAZZI: IL COMUNE SI SVEGLI E TUTELI I RESIDENTI

In quegli orari tra il sabato e la domenica chi governa il Comune evidentemente fa sogni d'oro: che ne sa di chi non può dormire a causa del rumore? E' il commento iniziale dell'Associazione Intercomunale "Ambiente da Salvare" la quale raccogliendo l'appello di cittadini di Scossici, evidenzia il probabile mancato rispetto della normativa acustica dovuta a rumori da un locale notturno.

Nessuno è contro qualcuno, noi vogliamo che chi deve rispettare le norme e chi deve farle rispettare si comportino di conseguenza. I residenti dei villaggi "Riva Musone" , "Villaggio Turistico Internazionale", "Giardini del Conero" e vari palazzi di Scossicci lamentano l'evidente sforamento delle norme sull'inquinamento acustico e i decibel sino alla mattina della domenica, in quelle serate dove sono ospiti dee jay che, parrebbe, pretendano, un impianto acustico, a detta loro "potenziato": pertanto non a norma di legge?. Che contrasterebbe quindi, di conseguenza, con il livello acustico tollerabile da orecchio umano? Il tutto a discapito della a tutela delle persone che frequentano il locale e della quiete dei residenti che hanno solo il sabato per riposare dopo una settimana lavorativa spesso pesante e gravosa?.

Civiltà è anche questo – prosegue Ambiente da Salvare – cioè conciliare le attività di intrattenimento, alle quali siamo ovviamente favorevoli, perchè fanno girare l'economia, col rispetto di chi ha una sola casa e non può scappare dal luogo di vita e ha il totale diritto di vivere in pace e dormire senza distubo del riposo notturno, anche perchè ci sono anche persone malate, anziani e bambini che il Comune DEVE TUTELARE e darsi pertanto una mossa. Occore, come prevde la legge, diminuire il livello acustico di discoteche dopo un certo orario delle primissime ore della domenica.

Non vogliamo entrare nel merito poi degli schiamazzi notturni, delle auto che suonano e di cosa si ritrova la domenica mattina nei parcheggi di Scossicci (bottiglie di superalcolici, preservativi, resti di vomito, ecc.), fattispecie che compete ad una oculata gestione amministrativa che deve previenire e attivarsi per evitare tali situazioni, nel rispetto delle attività commerciali ma anche delle persone che vivono, producono e pagano le tasse in qualunque quartiere di Porto Recanati ci si trovi.

 

;

Lascia un commento