Un proiettile all’Hotel House

Il recente ritrovamento di un proiettile all’Hotel House è sicuramente cosa grave sulla quale le Forze dell’Ordine, con la consueta solerzia, stanno indagando ma questo non giustifica le dichiarazioni inveritiere di Mustapha, ex portiere dello stabile.

Tutta l’Amministrazione Comunale è costantemente e continuamente impegnata nel monitoraggio della situazione dello stabile con visite, contatti formali ed informali con l’amministratore e con le autorità civili e militari preposte, interventi facilitatori e quant’altro necessario in una situazione complessa che per numero di abitanti è sicuramente atipica. E con tutte le difficoltà legate ad interventi che non possono essere attuati in aree e proprietà private, quale è l’Hotel House.

Che il servizio di portineria sia necessario è assolutamente ovvio, come è ovvio che deve trattarsi di un servizio serio. E come tale deve essere regolarmente remunerato. Ma le difficoltà condominiali sono note a tutti, portieri inclusi. E i problemi condominiali, determinati essenzialmente da quote non pagate, è una questione che si risolve solo pagando e personalmente. Non può essere il Comune a farlo per loro, questo deve essere chiaro anche ai portieri.

Stiamo con fatica, anche per l’irreperibilità di molti proprietari,  recuperando le somme anticipate dalla Regione per l’impianto antincendio. Ma anche chi abita lì e magari è proprietario di più unità immobiliari non sta pagando e per loro verranno attivate tutte le procedure di legge.  Anche perché chi è proprietario di più unità immobiliari, ci risulta che affitti e quindi è sicuramente capace di pagare quanto dovuto, ma non lo fa, chiunque esso sia. Se qualcuno pensa che alzando la voce o dicendo cialtronerie varie troverà chi paga per loro, si sbaglia di grosso.

Il recente ritrovamento di un proiettile all’Hotel House è sicuramente cosa grave sulla quale le Forze dell’Ordine stanno indagando ma questo non giustifica le dichiarazioni inveritiere di Mustapha, ex portiere dello stabile.

Tutta l’Amministrazione Comunale è costantemente e continuamente impegnata nel monitoraggio della situazione dello stabile con visite, contatti formali ed informali con l’amministratore e con le autorità civili e militari preposte, interventi facilitatori e quant’altro necessario in una situazione complessa che per numero di abitanti è sicuramente atipica. E con tutte le difficoltà legate ad interventi che non possono essere attuati in aree e proprietà private, quale è l’Hotel House.

Che il servizio di portineria sia necessario è assolutamente ovvio, come è ovvio che deve trattarsi di un servizio serio. E come tale deve essere regolarmente remunerato. Ma le difficoltà condominiali sono note a tutti, portieri inclusi. E i problemi condominiali, determinati essenzialmente da quote non pagate, è una questione che si risolve solo pagando e personalmente. Non può essere il Comune a farlo per loro, questo deve essere chiaro anche ai portieri.

Stiamo con fatica, anche per l’irreperibilità di molti proprietari,  recuperando le somme anticipate dalla Regione per l’impianto antincendio. Ma anche chi abita lì e magari è proprietario di più unità immobiliari non sta pagando e per loro verranno attivate tutte le procedure di legge.  Anche perché chi è proprietario di più unità immobiliari, ci risulta che affitti e quindi è sicuramente capace di pagare quanto dovuto, ma non lo fa, chiunque esso sia. Se qualcuno pensa che alzando la voce o dicendo cialtronerie varie troverà chi paga per loro, si sbaglia di grosso.

 

;

Lascia un commento