Dieci poeti italiani in Francia

“L'Antologia "Dix Poètes Italiens contemporains-Dieci Poeti Italiani Contemporanei", edita da Le Bousquet-Labarthe, curata da Bernard Vanel e con la prefazione di Alessandro Agostinelli, è sicuramente un'opera importante per far conoscere la poesia italiana contemporanea in Francia. In genere le traduzioni dei contemporanei derivano da motivi occasionali e da circostanze fortuite. 

Questa volta invece, si è trattato di un tentativo di far conoscere al pubblico francese un panorama certo, non esaustivo, ma neppure occasionale della poesia italiana di questi anni. Tra i dieci poeti, la rappresentanza marchigiana, costituita da ben quattro autori, occupa un posto importante: ma il panorama nel quale ci si muove è sicuramente nazionale.

Facciamo una breve scorsa tra gli autori presenti:

– c'è la classica voce di Piersanti che si staglia con la sua liricità nella costruzione di elegia che misura il tempo;

– la poesia profonda del neo-ermetismo di Pusterla;

– la densità carnosa e la profondità umana di Anedda; 

– l'esemplare attuale con forza e coscienza di Buffoni;

– l'empatica assonanza alle scansioni devianti del mondo della liricità di De Angelis;

– le cartoline della memoria anche giovanile di Moscè;

– le mappe del paesaggio e dell'interiorità costruite con plastica emozione linguistica di Broggiato;

– le precise cronache in versi di Paoli;

– la malinconica memorialistica di Scarabitti;

– l'armonica sintonia tra l'IO, il Tempo, la Natura nel denso sapore lirico di Villalta.

Si tratta insomma, di un lavoro importante nell'interscambio culturale e poetico europeo dei nostri anni. Siamo di fronte ad un'operazione culturale che non ha nulla di effimero, ma è destinata a rimanere nel tempo.”

Umberto Piersanti

Presidente del Centro Mondiale della Poesia e della Cultura di Recanati

 

;

Lascia un commento