La replica di Minetti è irrituale

Il sospetto che in Regione, i nervi siano scoperti sul caso biogas, è per il sindaco Fiordomo ormai una certezza, considerato, “il tono delle esternazioni di Antonio Minetti, dirigente dell’Ufficio Reti elettriche della Regione e “l’irritualità” del suo comunicato, alquanto polemico.” Fiordomo si dice, insomma, sorpreso della risposta fornita dal dirigente nel commentare le sue impressioni espresse al termine della Conferenza dei Servizi sul biogas in contrada Ricciola, maturando l’impressione, che ormai la vicenda dell’autorizzazione dell’impianto di contrada Ricciola, fosse già scritta.  “Le Istituzioni di solito hanno un altro modo di rapportarsi, afferma il sindaco, a meno che non siamo in pieno sistema tecnocratico. Questo ci dimostra che dietro al biogas ci sono problemi grossi. Non si spiega, inoltre, il perché si sia voluto dar corso a tutti i costi ad una conferenza dei servizi quando non ce n’erano affatto i motivi.” Fiordomo cita due passaggi fondamenti a sostegno delle sue ragioni: la sentenza della Corte Costituzionale che solleva un forte problema giuridico sulle autorizzazioni di queste centrali e il  fatto che il Comune leopardiano ha inserito la zona, dove dovrebbe cadere l’impianto, fra quelle a tutela integrale, come stabilito dal piano regolatore generale. Insomma a Fiordomo non è piaciuta né l’atmosfera surreale in cui si è svolto l’incontro, ne certi interventi a “gamba tesa” dei funzionari.

Lascia un commento