Una pagliacciata la visita di Comi al Santa Lucia

 

RECANATI. Ha riscosso solo che critiche, dalle forze politiche di opposizione, la visita di lunedì scorso di Francesco Comi, presidente della quinta commissione sanità della Regione Marche, all’ospedale S.Lucia. Per Roberto Bartomeoli della civica “Centro destra Recanati” è “un film già visto, questa volta recitato addirittura da attori non più protagonisti. La Regione oramai ha perso la faccia e le rassicurazioni ed i buoni propositi sul futuro del Santa Lucia suonano come un ulteriore presa in giro sia per gli operatori di settore che per i recanatesi, privati di servizi importanti.” La credibilità per Bartomeoli è stata persa anni addietro quando, rammenta, si è inaugurato, alla vigilia delle elezioni regionali, “il reparto di lungodegenza, mai utilizzato, e quello di pediatria chiuso addirittura l’anno successivo. Come possiamo dare credito ulteriore a chi l’anno scorso, in una conferenza stampa, ha promesso servizi per Recanati che nemmeno figurano nel piano sanitario? Qui si sta ancora aspettando gli investimenti di 2,5 milioni di euro alla struttura promessi in quella occasione, i 52 posti letto per la lungodegenza, che oggi sono scesi a 25, ed il potenziamento della chirurgia a ciclo breve.” Anche il consigliere regionale Enzo Marangoni è critico. “Pur invitato, afferma, non ci sono andato evitando, così, di farmi coinvolgere in quella ridicola quanto inopportuna iniziativa. Negli ultimi due-tre anni la maggioranza politica  PD-UDC, che gestisce la sanità regionale e provinciale, ha di fatto continuamente svuotato, un pezzo alla volta, l’ospedale recanatese, peraltro con l’esplicito consenso dell’amministrazione comunale  dello stesso colore politico. Ora che fanno? Vengono dalla Regione davanti all’ ex ospedale a raccontarci che tutto andrà bene perché ci sarà comunque  un’ambulanza attrezzata anche a Recanati. Sono queste le pagliacciate demagogiche della politica politicante alle quali non mi associo.”

 

Lascia un commento