Recanatese nella tana della Folgore Veregra, domani trasferta a Montegranaro

Vigilia della decima giornata di ritorno in serie D girone F. Domani i ragazzi di mister Mecomonaco affrontano in trasferta la Folgore Veregra, formazione che dopo aver disputato un girone di andata oltre ogni più rosea aspettativa, nel ritorno ha fatto i conti con la vera realtà di questo torneo, dove quasi sempre l’andata ed il ritorno sembrano due campionati completamente diversi. La Recanatese, grazie al successo nell’ultima partita ai danni dell’Amiternina, ha riguadagnato la sesta posizione in classifica e mantenuto così invariato il distacco dal San Nicolò, ultima squadra nella griglia dei play off. Nonostante tutto lo spogliatoio giallorosso pensa solo ad aumentare il più possibile il divario dalla zona calda della classifica, cioè il play out che ora sono lontani sette punti. Nella zona pericolosa è finita la Folgore Veregra, che attualmente occupa la quattordicesima posizione ma a soli due punti dalla coppia formata da Monticelli e Vis Pesaro che sono le prime due squadre immediatamente sopra i play out. Insomma se in testa i giochi sembrano essere fatti, con la Samb che fa il conto alla rovescia per festeggiare il ritorno in Lega Pro, in coda sarà un finale di campionato che promette scintille. Al “La Croce” di Montegranaro ci vorrà un’ottima Recanatese se i giallorossi vorranno strappare un risultato utile e non lo diciamo solo per retorica. Infatti la partita di domenica rappresenta per i padroni di casa un crocevia davvero importante, vista la scia negativa di risultati che nel girone di ritorno ha trascinato la squadra di Zaini nei play out. In queste situazioni è facile prevedere che i giocatori faranno riscorso a tutte le doti tecniche ed agonistiche pur di invertire la rotta. La Recanatese dovrà giocare una partita giudiziosa come quella con l’Amiternina, cercando di essere attenta e nello stesso tempo cinica da sfruttare anche la minima palla gol che riesce a creare. La formazione giallorossa ha dimostrato che se gioca come sa, può battere qualsiasi avversario, ma le partite si vincono e si perdono anche per episodi o facendo leva sulla grinta e l’agonismo che spesso colmano le lacune tecniche. Mecomonaco non potrà contare sullo squalificato Patrizi, appiedato per un turno dopo l’ammonizione di domenica (era in diffida). Stessa sorte tocca ad un altro difensore centrale, ma della Folgore Veregra. Si tratta di Fuschi, lo scorso anno compagno di squadra del giallorosso Falco con la maglia del Termoli. Una curiosità statistica che riguarda Fuschi è il fatto di essere l’unico calciatore della rosa ad aver giocato completamente (quindi senza sostituzioni) tutte e ventisei le gare disputate finora. Sarà invece regolarmente in panchina l’allenatore Luigi Zaini; in un primo momento il Dipartimento Interregionale nel comunicato di mercoledì aveva scritto di una squalifica per tre giornate a carico del mister ascolano, ma in tarda serata una rettifica attribuiva la squalifica alla vera persona che ha commesso l’infrazione, ovvero il mister in seconda Pietro Zaini, fratello di Luigi. Al “La Croce” di Montegranaro dirige Matteo Centi della

sezione di Viterbo, coadiuvato da Gaspare Giarratano di Campobasso e Massimo Di Crasto di Formia. Il direttore di gara é alla sua prima stagione in D, categoria in cui ha

arbitrato quindici incontri. Nessun precedente con nessuna delle due squadre.

 

;

Lascia un commento