Il serpentone dei fedeli della Pace

E' partita oggi pomeriggio alla chiesa di Cristo Redentore per raggiungere Loreto, la marcia della Pace, giunta alla sua  18° edizione. A precedere la marcia,  momenti di riflessione in chiesa, aperti dal  Vescovo di Macerata, Nazzareno Marconi, a cui hanno fatto seguito, Alberto Quattrucci dell Comunità di Sant’Egidio con l’illustrazione del progetto “corridoi umanitari” e il profugo siriano, Antoine Dengayeh,  scappato da Aleppo, dove ha perso il padre vittima della guerra ed approdato in Italia  tre mesi fa, grazie all’aiuto di Sara Fioretti della comunità di Sant’Egidio ed infine il sindaco Francesco Fiordomo.  Alle 18,30 ha preso il via il cammino verso Loreto caratterizzato da tappe con brevi interviste a Sammy Kounon dell’Anolf di Macerata; Giacomo della Comunità Papa Giovanni XXIII di Macerata, Annalisa del Bello, sindaco di Camerano, Asmae Dachan giornalista e scrittrice siriana che risiede nelle Marche. A Loreto il saluto del Sindaco Paolo Niccoletti, e del vicario del vescovo,  costretto a letto da una brutta influenza.  

 

;

Lascia un commento