Loreto: per Maurizio l’accurato appello all’arcivescovo Fabio Dal Cin

Ecc. rev.ma Fabio Dal Cin (dal 20 maggio 2017 prelato di Loreto, delegato pontificio per il santuario della Santa Casa e per la basilica di Sant'Antonio in Padova, ndr.)

sicuramente sarà venuto a conoscenza della triste storia di Maurizio, un maceratese di sessantanni che, suo malgrado, è costretto a passare la notte nella sua macchina perché non ha più né una casa, né un lavoro. Ha scelto Loreto forse perché Loreto è simbolo della Casa, dell'accoglienza, del rifugio e non ha sbagliato, visto che molti cittadini loretani non hanno esitato a tendergli la mano non appena si sono accorti di questa situazione triste e disagiata, soprattutto in questi giorni in cui le temperature meteo sono avverse e Maurizio avrebbe rischiato di morire dal freddo nella sua auto. Tanti sono stati gli aiuti concreti ricevuti da Maurizio a dimostrazione del fatto che a Loreto si trova gente di gran cuore generosa e solidale, pronta a mettere in pratica i precetti della dottrina come le opere di misericordia corporali. I comitati di quartiere, Caritas, ristoranti locali, famiglie loretane e delle zone limitrofi si sono mobilitati per fare una colletta e garantire a Maurizio un riparo e un ristoro.

Questa lettera, carissimo Fabio, è indirizzata a Lei, perché conosciamo la sua sensibilità verso casi di bisogno, soprattutto reduci da famiglie distrutte, famiglie che invece dovrebbero essere le fucine della presenza dell'Amore di Dio, dove non si dovrebbe "gettare la spugna" davanti alle difficoltà della vita ma trovare la soluzione per andare avanti. E' volontà di Maurizio ritornare nel mondo del lavoro e ricostruirsi una vita, in modo da riacquistare quella dignità da ridare un senso alla vita stessa. Fiduciosi che non lascerà inascoltate le nostre preghiere di aiutare Maurizio come meglio potrebbe, porgiamo cordiali saluti.

Gli amici di Maurizio

;

Lascia un commento