Un software di localizzazione porta la polizia ad individuare l’autore del furto di un computer

 

Questa mattina la “Volante” è intervenuta presso il Centro Commerciale Valdichienti ove, nella decorsa nottata, ignoti sono penetrati attraverso porte che si aprono sull’esterno della struttura.

Nella circostanza i malviventi hanno tentato di forzare le porte di sei esercizi riuscendo ad entrare soltanto in due di questi dove, in entrambi i casi, è stato asportato il fondo cassa per un totale di alcune centinaia di euro. Sul posto è intervenuto anche personale della Polizia Scientifica per i rilievi del caso. Indagini in corso.

 

                                                *******************

Nel pomeriggio di sabato 31 ottobre scorso, a conclusione di specifiche attività iniziate in mattinata, personale della Squadra “Volante” ha rintracciato e recuperato in un appartamento sito in zona santa Croce un computer da tavolo di marca Apple completo di cavetteria ed imballaggio originali che era stato rubato una decina di giorni prima dalla vettura di una signora lasciata in sosta per pochi minuti in corso Cavour.  Al momento del furto sull’apparecchio era installato un software di localizzazione che si è attivato appunto nella mattinata di sabato, indicando che il computer si trovava nell’area in cui dopo è stato ritrovato.  Le prime ricognizioni effettuate nella zona,  non hanno consentito l’immediato ritrovamento del dispositivo ma comunque hanno permesso di concentrare le attività di ricerca su una ben precisa palazzina.  Nel primo pomeriggio il computer è stato nuovamente localizzato e subito è stato predisposto dalla Squadra Volante un sopralluogo nella palazzina. Contemporaneamente è stato attivato da remoto sul computer rubato un allarme sonoro persistente sfruttando una specifica funzione del software installato.  Grazie a ciò è stato individuato uno specifico appartamento dove gli operatori della Squadra Volante hanno recuperato il computer rubato che hanno poi restituito alla legittima proprietaria.  Sono tuttora in corso accertamenti investigativi per definire la posizione delle persone che frequentano l’appartamento in cui è stato trovato il dispositivo.

;

Lascia un commento