Obiettivo Recanati plaude alla proposta di candidare la città come capitale della cultura 2018

Il pensiero di candidare “Recanati Capitale Italiana della Cultura per il 2018” è senza dubbio ottimo. Non conoscendo se esiste un progetto almeno embrionale né quali strade si stia pensando di percorrere, né su quali e su quanti santi protettori e sponzorizzatori si potrà fare affidamento negli alti scranni del parlamento, il progetto in questione deve essere poliedrico e coinvolgere attivamente tutti, cittadini e varie parti politiche.

Vale la pena ricordare che solo la grande capacità, l’intelligenza e l’amore per la nostra città dell’On. Franco Foschi e le sue alte conoscenze politiche sono riusciti a ottenere l’approvazione dal parlamento dello straordinario progetto di legge “Leopardi nel mondo” che ha saputo rendere compartecipi varie città d’Italia legate alla storia leopardiana. Si è trattato del progetto del secolo che ha dato una vera, forte spinta alla divulgazione del nostro Poeta e a Recanati. Con tale legge si è potuto acquistare la struttura più bella e importante della città, cioè l’ex convento di S. Stefano, posta in una posizione magnifica oltre che strategica, facilmente intercettabile in tutto il mondo della quale occorre fare un uso maggiormente appropriato.

Per l’idea di “Recanati Capitale Italiana della Cultura 2018”, occorre predisporre un grande progetto culturale e di opere pubbliche simile a quello del grande centenario Leopardiano del 1898, quando si costruì l’attuale piazza, il monumento al Poeta, il nuovo palazzo Comunale e molto altro. La sala degli stemmi del Comune è la testimonianza dei comuni che parteciparono a quell’evento.

Questo obiettivo potrebbe essere una buona occasione per realizzare ciò che proposi nel 2009 sulla ristrutturazione del Colle dell’Infinito per riportarlo alle sue origini e per realizzare un progetto innovativo e rivoluzionario, capace di affrontare le sfide del nuovo millennio con la realizzazione di un Parco Letterario Multimediale Emozionale, dove la multimedialità applicata alla cultura diventerebbe l’elemento centrale per trasmettere le atmosfere tipiche della lirica leopardiana e fungere da polo attrattivo per tutti gli amanti del poeta di qualunque paese.

Per realizzare questa meta occorrerebbe per prima cosa avere il sostegno della regione e poi predisporre un grande progetto generale con la collaborazione di tutte le forze politiche per dare la spinta indispensabile alla città che soffre da diversi anni di inerzia e risente di opere pubbliche che hanno danneggiato la storia e il sacro paesaggio del Poeta.

Recanati 04-02-2016

                                                                                                                       Antonio Baleani

                                                                                                    Consigliere Comunale Obiettivo Recanati

src=http://www.radioerre.net/notizie/images/articoli/luoghi/recanati/Colle

;

Lascia un commento