Una buona alimentazione vale più di mille farmaci

“Basta guru, parliamo di scienza” è l’appello lanciato in questi giorni da Amedeo Giorgetti, noto dietologo recanatese specializzato in Scienza dell’Alimentazione Membro e dirigente delle più importanti Società Scientifiche Nutrizionali Nazionali.

Con chi ce l’ha?

 “Nelle trasmissioni televisive e nei giornali imperversano i personaggi più strani e, a volte, improbabili, dal dr Lemme agli integralisti dell’alimentazione vegana, ognuno con la propria verità assoluta. Tutto questo genera uno stato di totale e generalizzata confusione e, soprattutto, una mistificazione della realtà scientifica.”

Che bisogna fare allora per stare bene e in forma?

“Negli ultimi anni si è fatta molta ricerca sul rapporto tra alimentazione, stile di vita e stato di salute dimostrando che attraverso una sana alimentazione e una regolare attività fisica si potrebbero prevenire il 30% di tumori  e un numero ancora maggiore di malattie cronico-degenerative. E’ come se gli alimenti si comportassero come dei farmaci, capaci cioè di curare e proteggere l’organismo.”

Magari ritardare anche l’invecchiamento?

Guardi che la nutrigenomica, la disciplina che va ad indagare le relazioni tra patrimonio genetico e cibo, si occupa proprio di questo. Ha evidenziato che alcune molecole che assumiamo con l’alimentazione influenzano i nostri geni e quindi il nostro stato di salute. Sembrerebbe addirittura (è un ipotesi in corso di sperimentazione) che tali molecole riescano ad imbavagliare i geni che ci fanno invecchiare.

Quindi meno calorie e attenzione a quello che mangiamo?

 Controlliamo il nostro peso e soprattutto il girovita. E’ ormai una certezza acquisita che la restrizione calorica e brevi periodi di semidigiuno allungano la vita e riducono le malattie senili (Cancro, Malattie Cardiovascolari, Alzheimer, Parkinson..)

Cibi consigliati?

 “Aglio, Arance rosse, Asparagi, Cachi, Capperi, Cavoli rossi, Cereali integrali, Ciliegie, Cioccolato fondente (> 70%), Cipolle, Curcuma, Erbe aromatiche, Fragole, Frutti di Bosco, Frutta secca, Lattuga, Legumi, Olio di oliva evo, Oli di semi, Melanzane, Mele, Peperoncino, Patate viola, Prugne nere, Radicchio, Semi oleosi, Tè verde e nero, Uva. Ed è stata elaborata una lista di alimenti da limitare o evitare: Salumi e affettati, Carne rossa (la carne non uccide nessuno, ma il consumo quotidiano sconsigliato) Alimenti ricchi di sale, Prodotti industriali altamente energetici, Bevande zuccherate, Alcolici.”

Di solito all’idea di dieta abbiniamo il concetto di tristezza…

“Mangiare è un piacere della vita e ci aiuta a star bene, quindi quando sediamo a tavola, abbiamo bisogno di consapevolezza non di ideologie: una fetta di torta non uccide nessuno ma rimpinzarsi di dolcetti, patatine o salumi danneggia sia il cuore che il cervello. E non dimenticate mai una regolare attività fisica”

;

Lascia un commento