Malore al volante, autobus perde il controllo e semina il panico

Un ricovero all’ospedale, traffico bloccato per oltre un ora, una pensilina in frantumi e due vetture completamente distrutte. Questo il bilancio dell’incidente verificatosi questa mattina lungo la statale 77 all’altezza del Colle dell’Infinito. Protagonista un autobus di linea della Conero Bus partito da Macerata e diretto a Loreto che attorno alle ore 11,15 ha perso il controllo finendo la corsa sopra il marciapiede della passeggiata leopardiana, non prima di aver travolto la pensilina e la ringhiera in ferro che ha fortunatamente rallentato la corsa del pesante automezzo evitandogli di terminare nella sottostante scarpata. Ad aver causato l’incidente un malore dell’autista, accasciatosi sul volante dopo un appannamento della vista e successiva perdita di sensi. A bordo dell’autobus pochi passeggeri fortunatamente illesi anche se comprensibilmente sotto shok. Nell’incidente sono state coinvolte anche due automobili che si sono scontrate frontalmente per evitare l’impatto con l’autobus. Ad avere la peggio il recanatese M.L. di sessant’anni, immediatamente soccorso dai sanitari del 118, trasportato per le prime cure al punto di primo intervento dell’ospedale Santa Lucia e successivamente trasferito a Villa Pini di Civitanova Marche; per lui un trauma cranico ma niente di piu’. Nessun ricovero invece per il conducente dell’altra vettura coinvolta nel sinistro e per l’autista della Conero Bus, dimesso dopo accertamenti che non hanno riscontrato particolari patologie. Sul luogo dell’incidente Carabinieri, Polizia Municipale, ambulanza della locale Croce Gialla e Vigili del Fuoco intervenuti per liberare la strada dai rottami. Gravi disagi alla circolazione, con traffico completamente bloccato per oltre un ora, in una fase della giornata particolarmente intensa sotto il profilo della circolazione veicolare. Bilancio tutto sommato meno grave del previsto, considerata la dinamica dell’incidente con il coinvolgimento del pesante automezzo e la sua corsa pazza che ha travolto la pensilina in vetro. Una struttura, quest’ultima, utilizzata in modo particolare dagli studenti del vicino istituto professionale Bonifazi che a quell’ora erano ancora in classe. Tragedia quindi mancata per una manciata di minuti e per un pizzico di casualit√†. ortuna ha voluto infatti che nessun pedone si trovasse a passeggiare in quel momento sul marciapiede che costeggia l’ermo colle, meta ambita da anziani e giovani mamme specialmente in una bella mattinata di sole come quella odierna.
M.N.
;

Lascia un commento