Spazi nuovi per i nonni degli Ircer

Non ci sarà, il presidente Andrea Mentasti, le cui dimissioni sono attive dal 12 dicembre scorso, ma oggi, per la Fondazione Ircer, è il giorno in cui si aprono le porte ai visitatori per mostrare la riorganizzazione degli spazi interni a cui ha lavorato il cda in questo suo primo anno di attività con l'obiettivo di migliorare lo stato di benessere dell'ospite.

Si tratta, in sostanza, del nuovo refettorio, delle camere, dell’infermeria, di un soggiorno e di diversi locali per le attività riabilitative e igieniche a favore dei pazienti. Sino ad oggi gli ospiti consumavano il loro pasto al primo piano della struttura, in una molteplicità di spazi divisi tra loro, mentre oggi la mensa è stata realizzata tutta su un unico piano: un salone grande e pieno di luce che permette una migliore e più gradevole convivialità. E’ stata posta anche una maggiore attenzione alla cucina con la preparazione di un menù particolare nei pranzi domenicali, ricco delle tipicità e specialità della tradizione marchigiana che rievoca un po’ i sapori antichi cari agli ospiti e renda loro la domenica un giorno speciale.

A questo si affianca anche il nuovo soggiorno, un ambiente luminoso e dotato di una vista panoramica per permettere agli ospiti di avere spazi riservati per colloquiare con i propri familiari e amici. Sono state realizzate diverse nuove camere doppie con bagno privato, suddivise diversamente, ed è stato attrezzato un nuovo bagno per disabili dotato di ausili completamente motorizzati e meccanizzati per una migliore igiene.

Con il potenziamento della struttura organizzativa interna, grazie all’introduzione della figura di un coordinatore medico, con una presenza giornaliera fissa e costante, e turni rafforzati anche di domenica del personale infermieristico, si è posta l’attenzione anche al locale infermeria con spazi più grandi ed articolati e creato un nuovo locale per l’attività riabilitativa che è stata introdotta dal giugno scorso a favore dei pazienti con demenze senile per i quali è attivo un reparto residenziale di 20 posti letto. Lo spazio è stato reso più coinvolgente attraverso la realizzazione di una speciale illuminazione ed un sistema di amplificazione per l’ascolto della musica durante l'attività.

Potenziate, infine, le attività interne di tipo ricreativo, ludico e terapeutico quali la Pet Terapy, progetto movimento e movimentazione, musicoterapia, pittura e fisioterapia. Sono progetti mirati sul singolo paziente, con specifici obiettivi che esplorano diversi campi di attività, con il supporto di professionisti specializzati e qualificati.

;

Lascia un commento